Martedì, 06 Marzo 2007 01:00

Silvano Agosti al ManagerZen Cafè di Roma In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

libro217-lettere-kirghisia.jpg

silvano-agosti.jpgMercoledi 14 Marzo 2007 
Silvano Agosti, regista romano e autore di Lettere della Kirghisia sarà con noi allo Spazio dell'Anima.

Roma - Mercoledì 14 marzo 2007
ore 21.00  Spazio dell'Anima 


L'arte del Sottrarre

ManagerZen Cafè - inaugura a Roma

1° # incontro: ospite Silvano Agosti 

autore di Lettere dalla Kirghisia


libro217-lettere-kirghisia.jpgIl tema che fa da filo conduttore delle serate del ManagerZen Cafè è stuzzicante e provocatorio:
L'ARTE DEL SOTTRARRE ovvero come eliminare l'eccesso per raggiungere il giusto equilibrio, mirando all'essenzialità.


 

 "In ogni settore, pubblico e privato, non si lavora più di tre ore al giorno, a pieno stipendio, con la riserva di un'eventuale ora di straordinario. Le rimanenti 20 o 21 ore della giornata vengono dedicate al sonno, al cibo, alla creatività, all'amore, alla vita, a se stessi, ai propri figli e ai propri simili..."

Silvano Agosti
silvano-agosti.jpgNasce il 23 Marzo 1938 a Brescia. Si diploma all’Istituto Magistrale e parte giovanissimo per Londra. Vuole vedere la casa dove è nato Charlie Chaplin e in seguito scoprire il mondo. Vive in Inghilterra, in Francia, in Germania svolgendo i lavori più umili e infine parte a piedi, come un pellegrino medioevale per visitare tutto il Medio Oriente e l’Africa del nord.
Si iscrive nel 1960 al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, dove si diploma nel 1962, vincendo con il cortometraggio La veglia il ciack d’oro che gli viene consegnato dal Presidente della Repubblica. A Mosca, nel 1963, si specializza sull’opera di Ejzenstejn.
Dopo aver lavorato con Marco Bellocchio alla sceneggiatura, i dialoghi, il montaggio de "I pugni in tasca", nel 1967 esordisce col lungometraggio con "Il giardino delle delizie". Fortemente censurato in Italia e invitato all’esposizione universale di Montreal. Nel 1975 dirige "Matti da slegare" con Marco Bellocchio, Sandro Petraglia e Stefano Rulli.
Dal 1976 al 1978 è docente di montaggio al Centro Sperimentale di Cinematografia. Il suo cinema Azzurro Scipioni, nel quartiere Prati, diviene un punto di riferimento per i film d’arte e per quello impegnato. Nel 1983 termina "D’amore si vive", personalissima ricerca sulla sensualità e i sentimenti in una Parma tutta speciale.

Intorno agli anni 80 inizia la sua attività letteraria che produrrà romanzi come "l’UOMO PROIETTILE" (candidato al Premio Strega) "UOVA DI GAROFANO", "LA RAGION PURA", "IL SEMPLICE OBLIO" , "LETTERE DALLA KIRGHISIA.

Vive, gioca e lavora a Roma.


------------------------------------------------------ 

Mercoledì 14 Marzo 2007

Spazio dell'Anima - ROMA
via Carlo Denina 72 int. 1 - ore  21.00
La serata è aperto agli amici, ai soci e ai curiosi 

Contributo serata:
soci 5 euro
non soci 10 euro

ISCRIZIONE obbligatoria
per partecipare compila il  FORM DI ISCRIZIONE

Per info:
Myriam - cell. 335.7801665
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Spazio dell'Anima - ROMA
http://www.spaziodellanima.it

 

Letto 12497 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Ottobre 2012 17:14