Mercoledì, 25 Aprile 2007 12:08

1 laboratorio: Eco-creativity

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Milano, giovedì 31 maggio 2007 auto_erba_ecocreativity.gif

Eco-creativity: creatività per il business post-petrolio

riflessioni, strumenti, idee per affrontare la nuova rivoluzione industriale verde
Con L'intervento di Eric Ezechieli - Presidente di Natural Step Italia


"Cosa c'entra la creatività con l'ecologia?
Picco del petrolio, cambiamenti climatici, problema dell'acqua.. temi urgenti che non trovano più voci dissidenti.
Come è possibile affrontare la "rivoluzione industriale verde" dichiarata anche all'ultimo World Economics Forum di Davos?

end-of-oil2.jpgSe il nuovo vantaggio competitivo si gioca sull'ambiente, con quale atteggiamento e con quali strumenti può essere affrontata la conversione ecologica di mercati, prodotti e servizi? quali comportamenti induce nelle persone il problema ambientale? Che cos'è il pensiero creativo ed in che modo può aiutarci e può essere applicato per "compiere il salto" verso la sostenibilità?

Su queste ed altre domande cercheremo insieme di riflettere e di trovare spunti, stimoli, idee per affrontare l'incertezza e cogliere con fiducia e positività i lampadina.jpgcambiamenti ormai evidenti, inevitabili ed imprevedibili che riguardano ogni attività e ogni settore... per scoprire anche un pizzico di coinvolgimento ed eccitazione nel diventare partecipi e protagonisti di questo folle periodo storico.
E magari diventare ricchi salvando il pianeta!
Un laboratorio pratico sarà l'occasione per sperimentare l'approccio creativo e ipotizzare scenari futuri... senza il petrolio"

Rivolto a tutti coloro che non sanno come affrontare il cambiamento.
A chi vuole avviare gruppi di creatività in azienda per la conversione ecologica di prodotti e servizi.
A chi non conosce la creatività e le sue potenzialità.
E a tutti gli altri.

Programma

mattino

10.00 - 10.45 "La rivoluzione verde e la creatività"
Federica Ghetti - Presidente di ManagerZen

10.45-11.30 "Tendenze culturali e valori ambientali"
Domenico Fucigna - Trend Setter, TEA Trends

11.45 - 13.00  "DNA: Design Natura Arte. Progettare il futuro con i principi della biomimicry"
Eric Ezechieli - Presidente Natural Step Italia

pomeriggio

14.00 - 17.00 giochiamo al futuro
laboratorio creativo con Umberto Santucci

------------------------------

Dove:
Spazio Sirin - Via Vela 15
MILANO

ore 10.00 - 17.00

Quota partecipazione:
Soci 200 euro
Aziende: 250 euro + iva

Per informazioni e iscrizione:

Clicca qui per compilare il modulo d'iscrizione

Informazioni

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
334.5064118

 ---------------------------------------------------------------------------

federica.jpg

"La rivoluzione verde e la creatività"

La rivoluzione verde è ufficialmente iniziata: cambiamenti climatici e picco del petrolio impongono una svolta drastica e rapida. S
uperata la fase di sensibilizzazione, 
si tratta ora di passare all'azione. Studiosi di sostenibilità, ingegneri, progettisti stanno già individuando soluzioni e tecnologie alternative, ma il problema riguarda tutti, imprese grandi e piccole, pubblico e privato, produzione e servizi: tutti i settori dell'economia possono, o meglio devono, trovare risposte diverse per il futuro.
Non ci sono ricette pronte e mercati di riferimento da analizzare e da cui trarre risposte. Si tratta di immaginare un nuovo futuro, di ripensare i prodotti partendo dalla loro funzione originale, di inventare nuovi utilizzi e nuove soluzioni... ecco perchè è tanto necessaria la creatività. Allenare il pensiero creativo per un "salto quantico" nel futuro "prossimo" sostenibile: questo l'obiettivo del laboratorio eco-creativity. Vedremo insieme esempi illuminanti, case history,  progetti ecologici per stimolare e avviare in ciascuno riflessioni e facilitare il processo creativo.

Federica Ghetti - Presidente Ass. ManagerZen


domenico-fucigna.jpg "Tendenze culturali e valori ambientali"

la questione ambientale è esplosa  e occupa ogni giorno diverse  pagine di ogni quotidiano la visione di un mondo - ambiente va progressivamente sostituendo la  visione antropocentrica dominante in occidente si diffonde nella nostra società una nuova etica ambientale che si  regge sui nuovi valori ecologici.  Questo movimento di valori suscita nella popolazione differenti  sentimenti: di rifiuto e paura, ma anche nuove visioni e prospettive. l'intervento esplora gli atteggiamenti più diffusi nella popolazione  italiana e occidentale, evidenzia le implicazioni nei comportamenti  quotidiani e in particolare nei comportamenti di acquisto, che oggi sempre più  raramente trovano risposte nel mercato. Un percorso per immagini ci accompagnerà nella ricerca di nuove  chiavi per reinterpretare le nostre abitudini di consumo e per ideare i prodotti e i messaggi che il nostro tempo ci chiede.

 Domenico Fucigna - Trend Setter TEA trends srl

eric-ezechieli.jpg

"DNA - Design Natura Arte"

Un futuro 'che possa essere' non è stato ancora inventato, anche perché non ce n'è mai stato bisogno prima. Quando qualche anno fa, lavorando con Amory Lovins, teorico e pratico del Capitalismo Naturale, gli chiesi quale fosse il più grave problema del nostro tempo. La risposta fu semplice: "bad design" un pessimo progetto. O forse l'assenza di un progetto, almeno per ora.
Per inventare un futuro in cui la specie umana possa sistematicamente creare delle condizioni favorevoli alla vita, a partire dalla propria, l'atteggiamento deve essere molto più simile a quello di un artista che voglia creare una nuova opera, piuttosto che a quello di un ingegnere che debba risolvere un problema. L'approccio dominante di 'problem solving,' un pezzo alla volta, è inadeguato perché tende a creare nuovi problemi nel tentativo di risolvere i vecchi, e a perpetuare un modello di sviluppo che non ha futuro. Serve un nuovo progetto, che sia intrinsecamente buono, che sia fondato su un "Buon Design"

Creare un futuro che possa essere è un arte...l'artista ha ben chiaro come si faccia a creare e per questo dagli artisti e dall'arte abbiamo molto da imparare. E quando guardiamo un po' più a fondo a quale sia la massima autorità nel creare bellezza, prosperità, diversità, una perfetta armonia di forma e funzione rigeneratrice, ci troviamo di fronte alla Natura stessa... la più elevata forma di arte, raffinatasi in miliardi di anni, durante i quali solo quello che funzionava e si adattava in maniera eccellente ha potuto continuare. L'artista sublime vede la natura come modello, come maestra, e come misura. Invece di def
inire la Terra e quanto essa contiene un insieme di 'risorse,' chiama la Natura: 'Madre.'

Eric Ezechieli - Presidente Natural Step Italia

umberto-santucci.jpg


laboratorio creativo "giochiamo al futuro"

dalla teoria alla pratica
Una sessione creativa per immaginare insieme un futuro senza petrolio.
La second life virtuale (che va tanto di moda) versione ecologica.
Tecniche creative e lavoro in sottogruppi
Il risultato del pomeriggio proseguirà con un laboratorio on-line in cui raccoglieremo gli spunti emersi e proseguiremo l'attività di fermentazione e stimolo di idee fino alla selezione e realizzazione del progetto più interessante.

Umberto Santucci - esperto di giochi, tecniche creative e problem setting

 

Letto 9950 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39