Venerdì, 24 Giugno 2011 13:19

Il Consiglio Direttivo rinvia a settembre l'assemblea del 25 giugno

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Con grandissimo entusiasmo avevamo cominciato a organizzare l’assemblea e la festa per il 10° compleanno di ManagerZen che avevamo previsto di tenere a Roma il prossimo 25 giugno ma la vita ha improvvisamente interrotto il nostro operoso darci da fare e ha introdotto in esso un momento di sospensione inatteso.

Cari soci,

con grandissimo entusiasmo avevamo cominciato a organizzare l’assemblea e la festa per il 10° compleanno di ManagerZen che avevamo previsto di tenere a Roma il prossimo 25 giugno ma la vita ha improvvisamente interrotto il nostro operoso darci da fare e ha introdotto in esso un momento di sospensione inatteso.

Il nostro caro Raffaele Bulfoni - l’unico che, insieme a Federica Ghetti c’era già alla nascita di ManagerZen dieci anni fa, che l’ha tanto desiderata e contribuito con levità ma anche in maniera determinata e determinante a farla crescere – ci ha lasciato.
Una breve e fulminante malattia ce l’ha portato via, via da qui verso chissà dove.
Ma certamente sappiamo che, da dovunque sia, sarà ancora con noi.

Ci siamo chiesti, noi membri del Consiglio, se dovessimo confermare o meno l’assemblea e la nostra risposta reciproca è stata che è troppo,  troppo presto per avere la forza di celebrare una festa. Ci siamo ritrovati davanti al limite costituito dal nostro dolore e il turbamento per ciò che è successo ha creato in noi una sorta di attonita afasia.  Sentiamo più ‘giusto’, quindi, accogliere queste emozioni e, nello spirito che ci ha sempre distinto, rinunciare all’efficienza a tutti i costi.

La nostra è una associazione di uomini e, in questo momento, gli uomini soffrono.

Domani certamente il dolore e lo sconcerto che proviamo si attenueranno e ritroveremo lo spirito giusto per portare avanti il progetto evolutivo di Managerzen al quale teniamo così tanto e chissà che proprio la pausa che questo momento introduce nella riflessione e lo stesso pensiero di Raffaele, non ci facciano intuire qualcosa che lo renda  più fattibile e più attrattivo per tutti.

Certamente auspichiamo che i soci che non hanno potuto essere presenti o che non hanno avuto tempo sufficiente per potersi esprimere, possano cogliere questo tempo in più che la vita ci ha dato per approfondire il progetto e darci il loro prezioso contributo.

Non è facile scrivere cose che abbiano senso e che non suonino artificiose e stonate di fronte al mistero della vita e della morte ma a volte è necessario assumerne la responsabilità con la consapevolezza dei propri limiti.

Ora è il momento del silenzio.

Un grande abbraccio a tutti.

Myriam Ines Giangiacomo
Vicepresidente Managerzen
Letto 7443 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39