Mercoledì, 03 Maggio 2006 00:00

Qualche consiglio per il tuo capo

Scritto da  ManagerZen
Vota questo articolo
(0 Voti)
travet.gif






Il tuo capo ti ama! Chiedi nel modo giusto e lui non esiterà a venirti incontro!...

Pensaci!

Troppo spesso nelle relazioni tra il boss ed i sottoposti incomprensione e malintesi generano malumori ed insoddisfazione. Il tuo capo è sicuramente ben disposto nei tuoi confronti ma probabilmente è indeciso nella scelta del modo migliore per venirti incontro. Forse aspetta da te solo un piccolo segnale...
Questo breve ma meditato elenco di richieste sarà un concreto aiuto per fargli capire quali sono le tue reali esigenze: quelle di chi vuole lavorare al meglio ed essere messo nelle migliori condizioni per farlo...
:-)

Piccoli consigli pratici dagli impiegati ai loro capi

Mai darmi lavoro di mattino: Sempre aspettare fino alle 16,30 e allora portarmelo; la sfida di una scadenza è rinfrescante.

Se è un lavoro urgente, corri e interrompimi ogni 10 minuti per chiedermi come lo sto facendo: questo aiuta; o anche meglio, sbuffa dietro di me, avvertendomi ad ogni errore.

Vai pure via sempre senza lasciar detto a nessuno dove stai andando: questo mi da la possibilita d'essere creativo quando qualcuno mi chiede dove sei.

Se le mie braccia sono cariche di fogli, scatole, libri o materiali, non aprirmi la porta: devo imparare a muovermi come un paraplegico, e aprire le porte senza usare le braccia e un ottimo allenamento.

Se mi dai più di un lavoro da fare, non mi dire qual è la priorità: sono un sensitivo.

Fai del tuo meglio per trattenermi fino a tardi: adoro quest'ufficio e non ho davvero altro posto dove andare o altro da fare; non ho altra vita oltre l'ufficio.

Se un lavoro che faccio davvero ti compiace, tienilo segreto: se lo esterni, potrebbe significare una promozione.

Se un mio lavoro proprio non ti piace, dillo a tutti: mi piace che il mio nome sia molto pronunciato nelle conversazioni.

Sono nato per essere frustato.

Se hai istruzioni speciali per un lavoro, non me le annotare per iscritto: conservale finche il lavoro non è pressochè concluso; non è utile confondermi con informazioni utili.

Non mi presentare mai alle persone con cui sei: non ho diritto di sapere nulla; quando ti riferisci a loro in seguito, le mie intuizioni geniali li identificheranno.

Nella catena alimentare collettiva, sono un plancton.

Sii gentile con me solo quando il lavoro che sto facendo per te può davvero cambiare la tua vita e mandarti direttamente all'inferno dei manager.

Dimmi tutti i tuoi piu piccoli problemi: nessun altro ne ha ed è carino sapere che c'è qualcuno meno fortunato; a me piace particolarmente la storia a proposito del fatto che hai da pagare un sacco di tasse sul premio che hai ricevuto per essere un manager cosi bravo.

Aspetta fino alla mia revisione annuale e ALLORA dimmi quale SAREBBE DOVUTO ESSERE l'obiettivo finale.

Dammi un aumento mediocre nonostante l'aumento del costo della vita.


TANTO NON SONO QUI PER I SOLDI!!

Letto 10854 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39