Giovedì, 26 Maggio 2005 00:00

Fiat: Twingo Smile

Scritto da  ManagerZen
Vota questo articolo
(0 Voti)
smile.gif





Aiutiamo gli operai della FIAT a fare il salto mentale quantico!!!!"

Se la Stilo non si vende, proviamo con la Smile ecologica...

Comunicato stampa di Jacopo Fo

"Evviva Beppe Grillo! Noi amiamo quest’uomo. Ieri sera e’ apparso come una luce divina a Striscia la Notizia (ebbene si’, amiamo anche Ricci). E’ stato epocale. Grillo, davanti ai cancelli della Fiat, che parla con gli operai. E dice parole che nessuno ha avuto il coraggio di dire. Su tutte campeggia un proposta: cari operai Fiat, perche’ non vi mettete a costruire auto migliori, piu’ ecologiche?"

Ma non e’ un discorso teorico

"Grillo e’ arrivato con la famosa Twingo Smile progettata dagli ecologisti svizzeri (ne abbiamo parlato su Cacao, trovate tutti i dati tecnici su www.greenpeace.it) che consuma 3-3,5 litri di benzina per fare 100 chilometri. Non si tratta di una tecnologia spaziale o avveniristica. La Smile usa un motore da 358 cc (cioe’ piccolo), e’ stata il piu’ possibile alleggerita, potenziata con un compressore e resa piu’ aerodinamica con piccole modifiche della carrozzeria. Insomma e’ un’auto che potrebbe essere tranquillamente prodotta dagli operai Fiat. Potrebbe costare 5000 euro. Ed e’ la cosa ecologicamente migliore che possiamo avere, subito, intanto che si sviluppa la tecnologia dell’idrogeno. Sarebbe l’auto dell’anno e Grillo si propone di occuparsi della pubblicita’. E osserva anche che la Fiat non potrebbe neanche opporsi visto che a furia di finanziamenti a fondo perduto per migliaia di miliardi ce la siamo praticamente comprata (e ancora chiedono soldi per la cassa integrazione). Questo e’ il cuore della proposta di Beppe Grillo. Dice agli operai: siete nella merda perche’ avete prodotto macchine di merda. Dovevate scioperare per costringere la Fiat a costruire auto ecologiche. Cosi’ sarebbe stata competitiva. Smettetela di farvi intervistare che piangete depressi perche’ vi licenziano. Mi fate stare male. Voi sapete costruire le macchine e potete costruire auto ecologiche. Fatelo. E conclude che lui un giorno e’ andato a visitare i laboratori della Fiat e ha trovato che l’auto all’idrogeno l’avevano gia’ costruita negli anni settanta. Ma era un segreto custodito sotto un telone impolverato… Qualcuno la prendera’ come una battuta da buffone, questa proposta di Beppe Grillo."

"Ma come e’ possibile che un gruppo di operai prenda in gestione una fabbrica e riesca a mettere sul mercato migliaia di automobili a basso costo e alto risparmio ecologico?
E’ chiaro che non e’ possibile.
Ma esiste qualche cosa che sia possibile e che possa veramente salvare i 5000 della Fiat e i 15 mila delle fabbrichette che lavorano per la Fiat, dalla disoccupazione o dal lavoro nero?
No. E questo credo che sia chiaro a tutti. Nessuno ha la forza di fermare il crollo economico di un gigante come la Fiat. Al massimo potranno contrattare qualche indennizzo in piu’ per gli operai Fiat e invece, quelli delle fabbrichette dell’indotto, via, pedalare.
In questa situazione, in questo momento, l’unica prospettiva per gli operai Fiat e dintorni e’ la sconfitta, un po’ piu’ o un po’ meno cocente.
L’unica via ipotizzabile e’ in realta’ la proposta di Grillo. E’ una proposta tecnicamente possibile (esiste la macchina, esiste il progetto, le capacita’ di realizzarla, le persone disposte a comprarla). L’impossibilita’ della realizzazione del progetto di Beppe Grillo e’ un problema culturale. L’idea che gli operai si mettano a fare impresa e’ un salto mentale quantico. E non importa se ci sono state molte esperienze del genere in passato, con fabbriche occupate che continuavano a produrre e addirittura operai che hanno rilevato le fabbriche dove lavoravano perche’ erano in crisi. E ce l’hanno fatta.
Comunque e’ un’idea troppo lontana dall’idea di cio’ che si puo’ fare e di cio’ che non si puo’ fare.
Ma cazzo! E’ solo una questione di modo pensare. Un vecchio preconcetto…
Pero’, puta caso che domani mattina Cofferati si alza che gli girano veramente le palle e va a Torino, davanti ai cancelli della Fiat e dice: “Ok ragazzi, facciamola questa cazzo di auto di Beppe Grillo."
Allora si’ che lo vedresti quel che succede. Te lo giuro. Vedresti la classe operaia lavorare duro a inventare, migliorare, affinare. Vedresti l’auto ecologica italiana. Che fa cento chilometri con un litro di benzina e 20 cl di pipi’. Vedresti la gente che va a Torino a piedi e torna a casa in auto, con ancora dei pezzi da montare nel porta-bagagli. Vedresti le ragazze che giurano di far l’amore soltanto su auto “Classe Operaia Indipendente” modello 300. Vedresti un popolo che rinasce in dignita’. Ma non e’ possibile. Tutti devono continuare a parlare e piangere e non fare niente di impossibile.
Pero’ ricordati di quello che dice Sherlock Holmes: “Una volta che hai scartato tutte le ipotesi possibili ti restano solo le ipotesi impossibili.”
Io non raccontero’ alle mie nipotine che quando il mondo e’ andato in pezzi ci siamo arresi tutti."


Jacopo Fo

Per saperne di più:

www.greenpeace.it
Letto 8651 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39