Mercoledì, 13 Aprile 2005 00:00

L'Iper-auto

Scritto da  ManagerZen
Vota questo articolo
(0 Voti)

hypercar.gif






L'auto di oggi è di una inefficienza sconcertante.
Perchè?
 

Almeno l'80% dell'energia combustile va perduta principalmente con il calore e gli scarichi del motore; cosicchè solo il 20% viene effettivamente utilizzato per muovere le ruote.

Della forza espressa, il 95% serve allo spostamento del veicolo, mentre solo il 5% serve allo spostamento del guidatore, in relazione ai rispettivi pesi. Il 5% del 20% corrisponde all'1% ...

Amory Lovins colpisce ancora...

Abbiamo già avuto occasione di parlare di Amory Lovins e del suo libro "Capitalismo naturale". Lovins tuttavia è anche il fondatore del Rocky Mountain Institute, un'organizzazione non profit che propugna un uso efficiente delle risorse per costruire un mondo più sicuro, più prospero e che possa meglio sostenere la vita. Tra i vari studi condotti da Lovins, uno riguarda la progettazione di un mezzo di trasporto molto più efficiente di quelli attualmente in produzione. L'auto in questione è completamente "nuova" e l'efficienza è otto volte superiore a quella dei veicoli tradizionali.

Ecco i principi dell'Iperauto

1. rendere le vetture ultra-leggere, ovvero con un peso da due o tre volte inferiore a quelle attuali di acciaio

2. rendere le vetture ultra-aerodinamiche, in modo da ridurre l'attrito con l'aria

3. quando il primo e il secondo punto avranno già tagliato i consumi del 50-75%, introdurre il sistema di propulsione "ibrido-elettrico"

"Per portare veicoli pesanti come quelli attuali ad accelerare rapidamente occorre un motore di grandi dimensioni, mentre sarebbe sufficiente anche solo un sesto della potenza disponibile per viaggiare in autostrada e molta meno per circolare in città. La discrepanza tra la potenza che un motore può sviluppare e quella che normalmente gli è richiesta finisce con il dimezzare la sua efficienza. E' come far correre la maratona ad un culturista capace di sollevare 130 kg"*


Innanzitutto si è lavorato sul peso della vettura. Il materiale scelto per la costruzione è un composto di fibre di carbonio immerse in una matrice di plastica: la resistenza arriva ad essere fino a cinque volte quella dell'acciaio. Il risultato è che l'auto, pur pesando soltanto 900 kg. risponde perfettamente alle normative attualmente vigenti in USA riguardanti alla sicurezza.

E ancora..

Se l'auto pesa meno l'impianto frenante può essere meno massiccio ed il motore più piccolo: quest'ultimo, inoltre, non necessita di alcune parti presenti sui modelli tradizionali, vale a dire il dispositivo d'avviamento, l'alternatore, la frizione e la trasmissione. Un computer installato a bordo è in grado di monitorare costantemente il funzionamento del mezzo e di diagnosticare e, in una certa misura, "riparare" eventuali guasti.

Inoltre

"E' poi probabile che le iperauto smettano di essere un prodotto e possano essere affittate, meglio ancora se come componeneti di un ben diversificato servizio di mobilità"

Questo si chiama pensare avanti !!!

Letto 7587 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39