Giovedì, 01 Maggio 2003 00:00

Impresa e Abbondanza

Scritto da  ManagerZen
Vota questo articolo
(0 Voti)
L'impresa è sempre della libertà e dell'abbondanza.
Non voglio dire che solo quelli che sono già pieni di soldi possono imbarcarsi nell'impresa. Cioè intraprendere la realizzazione di qualche sogno.

eugenio.jpgSe avessi continuato a credere questo, come una volta facevo, non mi sarei mosso di un dito.
Ma c'è una libertà e un'abbondanza che si conquista con la mente.
Viene il momento, magari dopo anni di tristezza, dolore e sofferenza, che ti rendi conto che la tua vera potenza è il tuo pensiero, sono i tuoi sogni.
Fino a quel momento pensavi: "vorrei fare, ma non ho risorse", oppure: "quando avrò il capitale necessario, allora comincerò a…"
Finché pensi che siano le condizioni esistenti a determinare la possibilità di avere successo e felicità, difficilmente riesci a sfuggire alle prigioni della scarsità.

Siamo stati abituati a sentirci determinati dai fattori esistenti: le risorse economiche, la classe sociale, la storia passata, gli errori che si sono commessi in precedenza... La cultura moderna si è impegnata con estrema pervicacia a dimostrare tutte le ragnatele del determinismo. In realtà si tratta di convinzioni, di pensieri. Sono essi che determinano cosa sia possibile e cosa sia impossibile.

Molti che hanno un sogno si mettono a fare l'analisi dell'esistente e concludono con una lista di difficoltà così nutrita che la conclusione non può essere altra che la cosa è impossibile. Anche qui agisce il pensiero che le possibilità siano determiante dall'esistente.

C'è un modo diverso di pensare. Lo si può conquistare anche se sembra paradossale.
Questo modo di pensare crede che non ci sono limiti al successo e alla felicità. Pensa sempre a ciò che c'è e non a ciò che manca. Si concentra su ciò che vuole e non su ciò che sembra impossibile. Per questo modo di pensare non esiste l'impossibile e non esistono limiti. Non esiste determinismo. I soli limiti derivano dal pensare che esistano dei limiti. Di fronte agli eventi di qualsiasi genere, belli o dolorosi, si domanda cosa è possibile che ne nasca?

E' in questo modo che si entra nel mondo della libertà e dell'abbondanza. Tutto quello che si desidera è come se fosse già esistente.
Questo modo di pensare è follia e paradosso.
Ma è il modo di pensare della libertà, dell'impresa, dell'abbondanza, della felicità.
Vale per il successo economico come per la felicità in amore.
E' questo che intendo per credere nei sogni.
Questa fede nei sogni va conquistata.

Eugenio Guarini, è pittore e autore di una newsletter che riunisce e da voce a molte persone in cerca. Per conoscere le sue opere e ricevere le sue newsletter scrivigli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 6462 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39