Martedì, 10 Maggio 2005 00:00

La vera battaglia è all'inizio

Scritto da  ManagerZen
Vota questo articolo
(0 Voti)
Ora, tutto sembra un miracolo. Le iniziative fioriscono, gli amici arrivano e anche le risorse, al momento opportuno. 


eugenio.jpgOra ci si deve dare da fare per inseguire con freschezza d'animo tutte le meraviglie che popolano i giorni.

Ma all'inizio… La battaglia vera era stata all'inizio.
Il primo "da qui a lì" era il più impegnativo. Si trattava di un cambiamento radicale. Quello che nelle religioni chiamano "conversione".

All'inizio "da qui a lì" significava: dall'interno all'esterno. Vale a dire, invertire la rotta.

Quando sei in parcheggio sembra che tutto dipenda da quel che succede fuori. Che la tua vita interiore sia una sorta di appendice di quello che avviene là fuori. Ma questa è una forma di schiavitù. Si trattava di liberare l'operosità energica di cui ero capace dalle paure e dagli schemi che l'imprigionavano. I sogni che mi abitavano si manifestavano, ma non erano sognati bene e dovevo imparare a farlo.
I nemici erano dentro, vale a dire, erano una parte di me: credere che i dati di fatto avessero più ragione dei desideri e trasformassero, alla luce della ragione, i sogni in velleità illusorie. Credere che la fortuna dipendesse dal denaro, dai fatti esterni, da come si appariva. Credere che gli umori tristi e melanconici fossero un destino a cui eri condannato da qualche colpa del passato, tua o di altri.

Era questo il programma limitante. Tutto, dunque, doveva ripartire da dentro.
Il mio campo interiore era soffocato dalle erbacce. Lo coltivavo con debolezza, trascuratezza. In fondo, non credevo. Mi lasciavo dominare dalle variazioni della meteorologia interiore. Aspettavo di vincere al Superenalotto per incominciare a vivere davvero. Pensavo di avere troppo pochi soldi per intraprendere. Che ero troppo vecchio, e troppo inesperto del mondo, e che non avevo santi in Paradiso...E, non ultima cosa, poiché la ragazza che avevo amato mi aveva lasciato, pensavo che niente valesse la pena.

Scommetto che questi pensieri sono stati anche i tuoi. Ma, ascolta, si può cambiare…

Toccato il fondo, cominciai a formulare ipotesi paradossali. Invece di credere che ero di umore pessimo perché le cose andavano male, cominciai a immaginare che le cose andavano in quel modo perché coltivavo gli umori da vittima. Mi assunsi la responsabilità della povertà che mi circondava. E nello stesso tempo seppi che se fossi riuscito a coltivare dentro di me pensieri di fiducia, tutto là fuori si sarebbe messo in moto.

Immaginavo che ci fosse un lavoro particolare da fare per questo. Un lavoro diverso dal lavoro con cui si traffica con le cose. Un lavoro sull'anima. Probabilmente un lavoro dell'anima. Non un lavoro fatto di puri pensieri. No. Bisognava che fosse un fare. Ma un fare diverso. E volevo imparare. L'obiettivo era trovare la fiducia. E trovarla per fonti endogene. Non volevo più abbandonare la fiducia nella vita agli eventi esterni, a quello che facevano gli altri e a quello che succedeva a mia insaputa…

Intanto, incominciai a vedere che non ero proprio una merda di cane. Incominciai a considerare le cose in modo diverso. Tutto ciò che ero e che avevo era qualcosa. Ero vivo, intanto. E avevo dei sogni. E tante altre cose. E mi diedi il permesso di provare gratitudine.
Mi venne l'idea che potevo vivere benissimo pensando di essere già nell'abbondanza. Abbondanza di aria, di nutrimento, di energia, di contatti, di sapere, di saper fare…
Incominciai a credere che i miei sogni erano una verità e una profezia. Credendoci si sarebbero realizzati. Credendoci, prendendoli come già realizzati, avrei espresso atteggiamenti e comportamenti più adeguati.

I dolori del cuore non dovevano essere fuggiti come la peste, come una malattia. Si potevano accettare, si poteva lasciare che attraversassero l'anima. E scoprivi che ne uscivi vivo e più forte. E riuscivi a comprendere gli altri in una misura decisamente migliore.
Incominciai a sviluppare un fiuto particolare per il cinismo che mi abitava e a lasciarlo scivolare via, scegliendo la corrente calda di me.
Comprendevo che era meglio star bene che aver ragione.
Niente più polemiche, o critiche, o paragoni: semplicemente fare ciò che era bello, buono, gustoso, promettente per me. E farlo a modo mio. Che mi piacesse.

I pensieri sono importanti. Avevo passato la vita a studiare i pensieri degli altri. Ora decidevo di lasciar perdere le autorità intellettuali. Volevo conoscere i miei veri pensieri. Mi misi in ascolto. I pensieri venivano da sé. Dicevano quello che sentivo io. Sapevo dirlo anche bene se mi lasciavo libero di esprimermi, se non mi confrontavo. E capivo che potevo scegliere tra i pensieri che mi venivano. Sceglievo i migliori. Quelli che danzavano con i miei sogni. Imparavo a usare la ragione al servizio del mio desiderio.

Anche la fede veniva da sé. Era come averle aperto le porte. Entrava come se fosse l'atmosfera naturale della vita. Erano le paure che si rivelavano ingiustificate. I sogni, a lasciarli liberi di mostrarsi, implicavano fede. Vivere con entusiasmo e pienezza di energia, fin dal mattino, implicava fede. E allora, tanto valeva credere fino in fondo, per folle che potesse sembrare.

Non combattevo più contro niente, né fuori di me, né dentro di me. Lavoravo sempre per qualcosa di bello e di buono. Per il mio sogno.
Le opinioni degli altri smisero di ferirmi, di condizionarmi. Mi fidavo del mio punto di vista, senza pretendere che fosse verità assoluta.

La mia ricchezza erano i miei sogni. E ogni mattina ero felice di mettermi all'opera. Ma per prima cosa veniva quel lavoro dell'anima. Quello era il cuore di tutta la faccenda.

Per il resto, facevo.
Facevo quadri e succedeva che i miei quadri erano acquistati.
Scrivevo i miei pensieri, raccontavo la mia avventura, e i miei scritti erano letti, attiravano gente affine, sviluppavano la rete d'amicizia.

Come avevo intuito, le cose accadevano, completando il circolo.

Ora tutto sembrava miracolo.
La vera battaglia era stata all'inizio. All'inizio, "da qui a lì" voleva dire partire dall'interno e andare verso l'esterno. E il " da qui a lì" dell'interno era passare dal vittimismo critico, e appesantito da mille ragionamenti, alla fede.

E cresceva, dentro, una forza intensa, calma, scattante, leggera e perfino impertinente.



Eugenio Guarini, è pittore e autore di una newsletter che riunisce e da voce a molte persone in cerca. Per conoscere le sue opere e ricevere le sue newsletter scrivigli:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Letto 6885 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39