Giovedì, 13 Luglio 2006 17:39

Intervista a Mauro Bertamè

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)


Teresa: Architetto Bertamè che importanza può avere il Feng-Shui nella progettazione di un ufficio in generale e di una società di Assicurazioni in particolare?
Mauro Bertamè: "La progettazione di un ufficio secondo criteri esclusivamente architettonici significa semplicemente disegnare gli spazi antropici in base alle funzioni che dovranno essere assolte dalle persone preposte a tali compiti; già la bio-architettura, che possiamo considerare una branca del Feng-Shui, analizza e decodifica le relazioni tra l'ambiente e le persone che ci vivono, valutando l'influenza dell'habitat sulla salute dell'uomo per un benessere del corpo e della mente, utilizzando materiali ecocompatibili e biosostenibili. Il Feng Shui partendo dal presupposto che tutta la materia è animata da energia vitale (cioè che dona vita) si propone di analizzare le relazioni a carattere energetico esistenti tra un organismo vivente e il suo intorno, così da generare tra loro armonia a livello fisico, mentale e spirituale. Anche un ufficio, quindi, deve essere concepito come un organismo vivente, i cui organi sono costituiti dalle funzioni esercitate dai vari lavoratori. L'organo principe è quello del Presidente, che emana energia a tutto l'organismo; per tale motivo la sala riunioni deve possedere una grande posizione strategica (in particolare il posto che il presidente occupa) e l'ufficio del presidente stesso. Seguendo il criterio enunciato, in una società assicurativa si deve verificare la posizione che il team leader occupa in relazione ai vari dipendenti "gerarchici", poiché il "capo" detiene l'energia e la trasmette ai propri collaboratori, come il cervello comanda l'azione dei muscoli della mano. Ma a sua volta anche il team leader da solo non può fare nulla; tale posizione deve essere calibrata il relazione agli uffici direzionali dell'azienda e dell'ufficio del presidente in particolare, che rappresenta il fulcro di coordinamento."


Teresa: Come è intervenuto nei nuovi uffici della Royal International Insurance di Milano (Cinisello Balsamo)?
Mauro Bertamè: "La prima fase dell'indagine Feng Shui parte dall'analisi del rapporto esistente tra il territorio, gli elementi naturali presenti e le costruzioni dell'intorno. Si prosegue poi con la verifica della posizione della porta d'ingresso, in quanto luogo di passaggio e di crescita. Attraverso la porta si annettono le energie del cielo che si combinano con le energie telluriche proprie del luogo. La porta d'ingresso è l'elemento attraverso il quale l'energia vitale entra per diffondersi e fluire nell'ambiente. A tale proposito è stata modificata la "bussola d'ingresso" per una più corretta posizione. Appena entrati, sul pavimento è stato inserito un "glifo", sotto il quale è stata inserita una pietra dura. Nella cultura cinese si chiama "pozzo del cielo" ed è una radice, un "logo" energetico che collega l'intero edificio alla "madre terra". Compito del Feng-Shui è di verificare e di fare in modo che la circolazione dell'energia vitale all'interno di ogni spazio antropico avvenga nel modo più armonioso possibile, senza incontrare ostacoli, spigoli o angoli, affinché essa possa svolgere liberamente la sua azione benefica. A questo proposito sono state corrette alcune posizioni, non coerenti, delle scrivanie dei "capi", compresi i team leader, secondo i criteri sopraesposti. In parti strategiche sono state collocate alcune "piante verdi", che agevolano e armonizzano il corso dell'energia; in alcuni punti dell'edificio sono state posizionate delle pietre dure che hanno la funzione di correggere delle energie troppo vigorose. Grande importanza anche al piano del colore utilizzato: a tale scopo alcune pareti e parte dei soffitti sono in azzurro chiaro, polarizzando il pavimento (blu scuro) per mantenere un'armonia tra la terra, Elemento yin, e il cielo, più yang."
Letto 10758 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39