Sabato, 27 Aprile 2013 14:06

Nuovi modi di apprendere ad un livello più profondo

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)

 

PRESENCE Presence, da poco edito in italiano, è un libro scritto, insieme ad altri, da Peter Senge, riconosciuto tra i più importanti pensatori mondiali del management, che ci introduce in modo profondo nell’emergente pensiero della società post-industriale.

Presence è un libro di Management, che esplora le capacità di Leadership, Apprendimento e Innovazione, proprie dei grandi Leader in tutti i campi, dalla Scienza all’Arte, dalla Politica all’Economia, dalla Tecnologia al Business. Leadership nel senso della sua radice indoeuropea leith, di “superare un confine”, della “capacità di plasmare il futuro” e di Innovare in modo profondo.

Nell’esplorare queste capacità, per individuare un processo utilizzabile da tutti, l’attenzione non va tanto al “che cosa” fanno i Leader e al “come” lo fanno, bensì al “da dove” lo fanno, ovvero da quale spazio profondo nascono le loro azioni. Per comprendere questo, pensiamo ad un Leader come Martin Luther King Jr., all’intensità dei suoi discorsi, alle “innovazioni” profonde e indelebili che le sue azioni hanno prodotto nella società.

“Esplorare il cambiamento profondo nelle persone, nelle organizzazioni e nella società”, è un tema attuale nella situazione di crisi epocale, che sta vivendo oggi la società umana. Se consideriamo che i dialoghi tra i quattro autori di Presence risalgono ad oltre dieci anni fa, appare chiaro come abbiano anticipato i tempi con le loro intense riflessioni. Del resto appartengono ad una delle più avanzate avanguardie di pensiero mondiali.

 

E se condividiamo l’affermazione, “il Mondo che abbiamo creato è il risultato del nostro pensiero”, possiamo iniziare a concepire una nuova realtà, apprendendo modi di pensare sistemici, superando la frammentazione esistente nelle scienze e nelle tecnologie, con tutti gli effetti collaterali che ne sono derivati. Siamo consapevoli di quanto la società oggi è diversa da quella di solo un quarto di secolo fa e di quali cambiamenti incredibili stiano rappresentando, per la specie umana e per il pianeta, fenomeni come la digitalizzazione, la connettività e la globalizzazione. In questo panorama, sono nati nuovi problemi e sono diventate inefficaci per affrontarli le tradizionali modalità di pensiero. E’ quindi chiaro quanto abbiamo necessità di nuovi modi di apprendere ad un livello più profondo di quello tradizionalmente usato.

L’opera ci introduce alla Teoria U o U-process, una metodologia per l’innovazione profonda in ogni campo, sviluppata da Otto Scharmer in Theory U e da Joseph Jaworsky in Source, che consente una conoscenza emergente, un secondo tipo di apprendimento, rispetto a quello tradizionale, in cui il futuro diventa più attivo e l’innovazione profonda diventa possibile.

Presence è un libro che merita di essere letto e assaporato perché è denso di significati profondi, che possiamo definire sociologici, filosofici e antropologici, riguardanti la nostra società, le nostre culture, la nostra civiltà, la nostra economia, le nostre grandi imprese multinazionali. Queste sono considerate una nuova specie vivente, emersa negli ultimi 100 anni, dalle cui scelte deriva gran parte del destino del Pianeta o, quantomeno, della civiltà dell’uomo, messa oggi a forte rischio da un modello di sviluppo non sostenibile.

 

Luigi Spiga

Presidente SoL Italy

 

 

 

Letto 23044 volte Ultima modifica il Sabato, 27 Aprile 2013 14:20

Articoli correlati (da tag)