Carla Fiorentini

Vota questo articolo
(0 Voti)

Carla FiorentiniCarla Fiorentini, è una consulente marketing che lavora prevalentemente nel settore farmaceutico con solide basi di competenze tecniche e manageriali, ma soprattutto tanto buon senso e attitudine a risolvere problem.


Carla FiorentiniCarla Fiorentini
Consulente marketing www.isalmoni.it

Chi sono
Romagnola, ho 50 anni, risiedo a Milano da quasi 25 anni e ho sposato un milanese DOC. Nel riquadro trovate la foto del mio socio Chopin: lui non è soprappeso e non ha quindi problemi di immagine. Per varie vicissitudini personali da molti anni sono entrati nella mia vita (in ordine di “scoperta”) la comunicazione non verbale, l’I Ching e la psicodinamica. Amo leggere e viaggiare (come tanti ho il mal d’Africa), cucino molto bene e dedico il tempo libero al giardinaggio e al decoupage.
Sono nata a Forlì il 17 dicembre 1958. Mi sono laureata a Bologna in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche e, dopo due anni di borsa di studio in ospedale, sono approdata a Milano. Tra il 1984 e il 2005 ho lavorato presso aziende farmaceutiche e diagnostiche come trainer, product manager, marketing manager e responsabile medica e marketing. Dal 2005 sto realizzando il sogno della libera professione come consulente e tra qualche mese, spero, acquisirò anche il certificato come coach.

Cosa faccio
Lavoro prevalentemente nel settore farmaceutico, incluso diagnostici, nutriceutici, medical device, farmaci omeopatici, dermocosmetici e cosmeceutici. Ho solide basi di competenze tecniche e manageriali, ma soprattutto ho tanto buon senso e attitudine a risolvere problemi, e do il meglio quando sono complessi e contorti.

Cerco nuove soluzioni per risolvere problemi
Quando posso lavoro su progetti ad hoc, diversi per ogni cliente.

Mi occupo molto di pianificazione strategica, dai piani di start up ai piani triennali, di analisi di portafoglio sia finalizzata all’implementazione del business che all’in e out licensing e di posizionamento dei prodotti, anche sin dalla fase 2 per ideare il miglior piano di sviluppo.
Credo nelle sinergie all’interno delle aziende, e questo mi ha portato e seguire progetti di sales force effectiveness, targeting e segmentazione.
L’esperienza e il buon senso mi hanno indotto a creare dei modelli molto semplici e facilmente applicabili che agevolano l’organizzazione e le sinergie.

Le maggiori soddisfazioni mi sono arrivate dai progetti più complessi, quali la revisione dell’immagine aziendale presso dipendenti e clienti e successiva definizione della strategia a medio termine o la definizione e implementazione delle sinergie aziendali finalizzata alla segmentazione.

La nuova attività mi ha portato a riscoprire il piacere dell’aula, perciò faccio  training fondamentalmente dedicato al personale marketing, vendite e medical MKTG su comunicazione, gestione e pianificazione.

Non sono un prestigiatore che tira fuori soluzioni da un improbabile cappello: sono semplicemente addestrata a identificare con chiarezza il problema e individuare la via più semplice e meno faticosa per venirne fuori.

Perché Managerzen
Alcuni mesi fa ho rinunciato ad un contratto ben pagato quando mi sono resa conto che implicava un comportamento poco corretto verso i dipendenti dell’azienda e verso il cliente finale.
Dopo mi sono sentita stupida, poi ho pensato di aver sbagliato, poi ho deciso di cercare altri, oltre ai miei amici, che pensassero come me che la correttezza non è negoziabile, e ho trovato anche Manager zen.
Io opero in un settore che è stato più volte messo sotto accusa, talvolta giustamente. Eppure in questo settore lavorano molte persone corrette, che pagano il fio della mancanza di etica di altri, e molte aziende moralmente sane. In 25 anni ho visto che i successi migliori e più duraturi sono stati ottenuti quando c’erano elevata professionalità e correttezza. Ora, che è un periodo di crisi, è necessario partire da queste per costruire un nuovo modo di fare business senza lasciarsi prendere dalla tentazione  di risultati solo apparenti.
Credo anche che la risposta al crescente bisogno di outsourcing delle aziende non sia nelle grandi società di consulenza, ma nel network tra piccoli gruppi di consulenti ad alta professionalità.
Per saperne di più, e per conoscermi meglio, visitate il mio blog www.isalmoni.it

 

Letto 17913 volte