Yoga della risata in tour In evidenza

Yoga del risata in tourDal 5 al 12 Ottobre il tour italiano del Dr. Madan Kataria inventore dello Yoga della risata.



Tour italiano del Dr. Madan Kataria

inventore dello Yoga della risata.



Il Dr. Madan Kataria è Presidente e Fondatore del Laughter Club International e della Dr Kataria's School of Laughter Yoga. Catalizzatore di oltre 6000 Laughter Clubs (Clubdellarisata) in più di 60 paesi nel mondo tra l'India e altre parti dell’Asia, gli USA, l'Australia, l’Europa e l’Africa, ha sviluppato lo Yoga della risata attingendo dalle sue conoscenze in campo medico e dalla pratica Yoga. Dal 1995 insegna come armonizzare le antiche pratiche Yoga con la scienza del ridere, al fine di contrastare gli effetti negativi dello stress e per raggiungere una pace mentale, migliorando i rapporti interpersonali e contribuendo a promuovere la Pace Mondiale attraverso la risata.


Dopo un'assenza di 4 anni, ad ottobre sarà di nuovo in Italia in un tour che prevede tre tappe:
 
a FIRENZE il 5 ottobre alle 10,30

Conferenza Pubblica presso la SALA Brunelleschi del Palagio di parte Guelfa

a ROMA dal 6 al 10 ottobre
Teacher Training di Yoga della risata presso Ostia Antica Park Hotel (Ostia Antica)

a MILANO il 12 ottobre alle 15,00
Conferenza Pubblica presso Milano Yoga Festival – Spazio Musica- Special Events

Con  l'occasione verrà presentato il nuovo libro italiano sullo Yoga della risata edito da La Meridiana.

Per maggiori informazioni collegatevi al sito italiano ufficiale www.yogadellarisata.it e a quello internazionale www.laughteryoga.org  



Testimonianza:
queste le parole di Umberto Santucci, socio di ManagerZen, dopo aver partecipato ad un Workshop con il Dr. Kataria.

“Madan Kataria è un medico indiano che dal 1995 ha avuto l'idea di dedicarsi al ridere come energia terapeutica e rigenerante del corpo e dello spirito. Con una sapiente miscela fra pratiche della tradizione Yoga ed esercizi specifici per ridere, Kataria è in grado di far ridere senza nessun motivo gruppi di persone più o meno grandi, dalle 15 alle 10.000, come è avvenuto in una piazza di Copenaghen.

Io ho partecipato ad un seminario tenutosi a Roma a fine ottobre 2004 e organizzato da Laura Toffolo, responsabile del Laughter Club di Roma e socia di Managerzen. E' stata un'esperienza straordinaria. Non avevo mai riso tanto in vita mia, e senza nessun motivo. Ho imparato a ridere di me, della vita, delle persone che ho intorno, delle cose che faccio. Anche stamattina mi sono alzato molto presto, e nel silenzio e nella solitudine ho fatto delle belle risate di cuore. Fra coloro che mi leggono, quanti la mattina si fanno una bella risata, piena, sussultante? Così, per salutare il nuovo giorno, senza nessun motivo, tirando fuori il ridere da dentro?
Nonostante il gran ridere, l'Hasya Yoga, o Yoga della risata, è una cosa serissima. E' una forma di respirazione e di meditazione Yoga facile da praticare, divertente, efficace. Agisce sul sistema nervoso e su quello immunitario, sulla gola, sui polmoni, mette in moto le endorfine. Funziona con bambini, adulti, anziani, portatori di handicap.

Dice Kataria che da bambini si ride in media 400 volte al giorno, da adulti 15. Che cosa è andato storto? Dove sono tutte le risate che ci siamo persi per strada? Recuperiamone un po'. Ridiventiamo bambini, leggeri, flessibili, creativi. Pigliamocela a ridere. Anche senza motivo.
Ma come faccio a ridere senza nessun motivo? Spesso non riesco a ridere neanche di fronte ai comici della tv, tante barzellette non mi fanno ridere, se poi apro il giornale o mi guardo intorno mi passa proprio la voglia di ridere.

Dice Kataria: "c'è una risata esterna, che ha bisogno di stimoli esterni, ed una interna, che porti dentro di te, che c'è sempre, che solo tu puoi risvegliare e spargere intorno a te." Il suo metodo consiste proprio nel ritrovare e tirare fuori questo ridere interno. Come? Con esercizi da fare in gruppo o anche da soli. Sono facili? Sì. Funzionano? Sì. Già nel secondo giorno del seminario ho riso molto di più, e con più naturalezza.
Come si fa? La cosa migliore è andare in qualche laughter club (sono sparsi in tutto il mondo) e provare”
Umberto Santucci


Letto 10712 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39