Lunedì, 15 Dicembre 2008 10:07

FANDIS è Sponsor del Master in Evolutionary Management! In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
fandislogoIntervista a Marta Brioschi HR Manager di Fandis, azienda di Borgo Ticino, specializzata del settori thermal e screen solution.

fandislogo

Intervista a Marta Brioschi HR Manager di Fandis

Tutto in FANDIS colpisce a partire dal logo e dallo slogan: un albero con la chioma colorata e la persona al centro "colors of engineering".
L'azienda di Borgo Ticino nata nel 1985 è specializzata nella progettazione e realizzazione di tecnologie e prodotti a valore aggiunto dei settori thermal e screen solution. In altre parole un'azienda di tecnici ed ingegneri ma con una forte connotazione umanistica: "mio padre da sempre si è ispirato alla visione di Olivetti e di Mattei" - afferma Marta Brioschi, oggi insieme al padre Roberto Brioschi nella conduzione dell'impresa. E continua... "L'azienda negli ultimi anni sta vivendo una vera e propria rinascita grazie ad una inversione di rotta: ha puntato tutto sulla formazione delle persone, sui valori e sulla ricerca.. Ed ora, grazie al successo economico raggiunto, abbraccia grandi progetti per costruire un nuovo futuro."


fandislogoPerchè investire sulle persone e sulla formazione è stato così importante?

R: Non vorrei rischiare di banalizzare il concetto, ma è ormai chiaro che la risorsa più importante per ogni organizzazione è costituita dagli individui che la compongono, o meglio ancora, dalla rete di individui che la compongono. Questa rete è insieme 'cervello', 'cuore' e 'anima' dell'organizzazione e come tali può evolvere, ma anche ammalarsi e morire. Come ogni organismo vivente ci vogliono amore paziente e cura perchè possa svilupparsi armoniosamentre e naturalmente ci vuole tanta formazione perchè crescano i singoli 'nodi' della rete e perchè si formino tante sinapsi nuove. Poi occorre offrire un terreno favorevole allo sviluppo - un terreno culturale intendo - in cui la collettività prenda coscienza di sè come comunità: individui interconnessi e responsabilmente disponibili gli uni agli altri con una finalità comune e condivisa, che sia prima di tutto progetto di Vita.

Fandis perciò ha investito a lungo in passato sulla selezione del personale e l'accrescimento delle competenze per costruire un solido scheletro di conoscenza, per poi passare a focalizzarsi sulla gestione dei processi, e sui coordinamenti interfunzionali. Ora i nostri sforzi sono concentrati sulla formazione alla gestione della complessità e alla leadership diffusa, cose che rappresentano un modello culturale di riferimento scardinante e suscitano non poche resistenze, ma costituiscono anche il biglietto di ingresso al futuro.


Oltre all'attività di imprenditrice e di mamma riesci a curare un blog - AAA 'People Manager' cercasi per discutere sullle Persone e sul loro Valore nelle organizzazioni - ed hai un sacco di progetti per animare e sviluppare la cultura di FANDIS a partire dai Cicli di Conferenze serali aperte a tutta la comunità. Che obiettivo vogliono cogliere?

R:
Vorrei che la mia gente imparasse a guardare 'oltre la siepe' del proprio giardino, che vuol dire interessarsi a ciò che avviene oltre i confini della propria famiglia, del proprio mansionario, dei propri ruoli privati e professionali, oltre le barriere protettive costruite negli anni e fatte di sicurezze mai messe alla prova, di pregiudizi, di convenzioni e così via . Per evolvere è assolutamente necessario avere una cultura dell' 'oltre', una cultura dell'ascolto e dell'accoglienza, che abbracci idee ed elementi nuovi invece che escluderli.
Chiunque ha dei figli e li osserva davvero, si accorge subito di che meraviglioso potenziale abbiano. Sono instancabilmente curiosi, attivi, esplorativi, propositivi...ma quanti di noi conservano queste caratteristiche da adulti? Perchè, ad un certo punto della nostra vita ci stanchiamo di crescere? Perchè i nosti principali obiettivi diventano nel tempo 'il posto sicuro', 'una vita stabile' , 'la sicurezza'? Perchè abbiamo paura del nuovo, della fatica, delle difficoltà...persino i figli diventano un rischio, un problema. E quando ne abbiamo, li mettiamo sotto una campana di vetro perchè non si sciupino. Che fine fanno allora i sogni, i progetti, la fiducia nella vita? Ma che mondo stiamo costruendo? E che imprese mai potremo creare seguendo questa filosofia? Con i miei progetti cerco di stimolare interesse e curiosità, di creare spazi dove 'rimettersi in gioco', dove esplorare se stessi....e soprattutto dove tornare a porsi tante domande. Credo che il peggior difetto di un adulto sia proprio quello di avere troppe certezze e di fare troppo poche domande. Ecco il perchè delle nostre serate di conferenze, del nostro laboratorio di scrittura e di quello teatrale e di altre iniziative che ho in testa e che spero di poter presto realizzare.


fandislogoC'è anche il progetto della "Fandis School" ...

R:
Il progetto nasce dall'idea di offrire una proposta formativa in linea con quanto detto sopra e si fonda sul principio della formazione globale e sulla multidisciplinarietà. La scuola, di tipo professionale, sarà rivolta a giovani che vogliano entrare nel mondo di lavoro con una marcia in più: con tante competenze e la capacità di continuare ad apprendere sempre cose nuove nel tempo. Avranno a disposizione i laboratori di meccanica, elettronica e di misura per tante ore di attività pratica, ma faranno anche tanta letteratura, arte e filosofia. Il modello di riferimento sarà quello della 'fabrica' rinascimentale. Sarà scuola a tempo pieno e sarà dura perchè senza fatica e dedizione non si possono raggiungere grandi traguardi.
Come Fandis School prevediamo però anche brevi Masters per Ingegneri e Ricercatori e in futuro, magari anche per Managers...


E arriviamo all'Evolutionary Management: non solo la cultura organizzativa di Fandis si "sposa" già con l'approccio evolutivo.. in Fandis avete sviluppato un progetto interno (una tecnologia) che si basa proprio sui sistemi neurali e sugli agenti - denominato "daimonos" - che sta rivoluzionando il vostro modo di lavorare alleggerendo le persone da una serie di attività ripetitive... e con risultati inattesi superiori alle aspettative.
Di cosa si tratta?

R:
Tempo fa ci siamo trovati a dover ottimizzare il flusso dei processi aziendali e ci siamo subito resi conto che non avremmo potuto farlo con gli strumenti classici del Project Management.
Partendo da una competenza più tecnica che manageriale, allora, abbiamo provato a guardare il problema da una diversa prospettiva. Inaspettatamente, abbiamo osservato che le dinamiche di "funzionamento" dei processi sono pressochè identiche a quelle già note nella teoria dei controlli. In particolare , lo strumento concettuale dell'"automa a stati" - già usato ampliamente nella robotica, per esempio - poteva diventare il neurone di una rete neurale di connessione tra la macchina e le persone.

Da quest'idea, il passo successivo per implementare l'automa è stato faticoso, ma efficace! Ora infatti abbiamo un sistema che non solo riesce a guidare e monitorare processi complessi lasciando la parte creativa alle persone, ma è anche in grado di evolversi con noi e - nonostante si trovi ancora in fase embrionale - sta cominciando già a produrre dinamiche emergenti (tipiche dei sistemi neurali complessi).
E' un po' come crescere un bambino, quando meno te lo aspetti comincia a pensare !


Fandis è main sponsor del Master Evolutionary Management e mi è piaciuta molto la tua affermazione: "Non possiamo non esserci: il master ci da l'opportunità di creare una sorta di laboratorio condiviso con altre aziende pioneristiche, felici di scambiare approcci innovativi ed il proprio know-how per un arricchimento ed una crescita collettiva".
Ho espresso bene la motivazione?

R: Direi proprio che hai centrato l'obiettivo!

Marta Brioschi

-------------------------Approfondimenti

- sito Fandis Spa
www.fandis.it

- blog conferenze serali
http://fandisinconference.blogspot.com/

- blog AAA "People Manager" Cercasi
http://tribalskills.blogspot.com/

- sito del Master in Evolutionary Management
www.master-evolutionary.it 

Letto 14351 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39